Passa alla versione desktop
In questa sezione troverete in anteprima, tutte le news sul Bari. Una costante attività di ricerca di news h24. Le notizie sul galletto, prima passano da noi!
Rispondi al messaggio

18/06/12 - E' di nuovo il Bari dei baresi

18/06/2012, 8:04


Immagine

Ritorno al futuro. Torrente come Catuzzi per un Bari di giovani. Possibilmente baresi come quelli dello straordinario Bari di trent'anni fa, quando con un manipolo di ragazzini della Primavera il tecnico parmense sfiorò la serie A. Un Bari dei ricordi, che si apre al domani. Il Bari dei Caricola, Armenise, De Rosa, De Trizio, Frappampina che stupirono l'Italia con un gioco spumeggiante, straripante, vincente. Un Bari che non c'è ormai più ma che potrebbe rinascere nel prossimo campionato, con Torrente costretto ad inventarsi una solida base su cui poggiare un progetto. Quello dei giovani, e dei baresi.

VIRTU' - Una virtù non nuova per Vincenzo Torrente, che sui giovani ha costruito la sua carriera di allenatore. Occasione da non perdere, in un'annata dove il Bari deve fare della necessità una virtù. Giovani ed ancora giovani per un campionato di transizione o forse di svolta. Certo è che in un mare di incertezze l'unica realtà sicura è ricorrere al campionario di ragazzi in forza alla Primavera, o che ritornano alla base dopo un periodo di apprendistato presso altre Società di B o di Prima divisione. Un po' come è successo la scorsa stagione con i vari Ceppitelli, Galano, Bellomo. Senza dimenticare Caputo e Rana, che la loro parte l'avevano già fatta negli anni scorsi.

OPPORTUNITA' - La stessa necessità che, per una serie incredibile di infortuni e squalifiche, indusse Materazzi a lanciare in prima squadra nel corso delle sue ultime stagioni baresi Nicola Belmonte, Ivan Loseto, Mirko Eramo, Nicola Strambelli, Daniele Vantaggato, tutti giovani baresi o acquisiti tali che si sono fatti largo tra la serie B e la serie A. E ora chi si affaccia alla finestra di questa nuova serie B? Nonostante da qualche anno il settore giovanile barese non ha avuto gli stessi slanci dei tempi di Sciannimanico o di Tavarilli, qualche buon elemento è entrato nelle mire di Torrente sin dalla scorsa stagione. Ragazzini di Bari e dintorni che chiedono strada, che hanno la sfrontatezza di giocare al San Nicola, come sui campetti di periferia, o tra i vicoli dei quartieri baresi. Non sono campioni annunciati, ma in molti c'è qualità che certamente Torrente saprà fare venire in superficie. «Di ragazzini interessanti - dice Vincenzo Tavarilli, per anni allenatore della Primavera e la scorsa stagione vice di Torrente - ce ne sono. Basta crederci, lavorare sulla loro crescita tecnica per vedersi ripagati in breve tempo». Un po' come è avvenuto con Luigi Rana, Nicola Bellomo, Cristian Galano o Francesco Caputo, tanto per citare i più noti di questi ragazzi che sono già sotto la lente di ingrandimento degli addetti ai lavori e che sono già entrati nell'orbita delle varie nazionali giovanili. Dall'Under 16 all'Under 21.

CATUZZI E ZEMAN - Il rientro dai prestiti di ragazzini mandati in giro a scaldare muscoli e testa, farà il resto. Così come vent'anni fa con Enrico Catuzzi, uno degli allievi di Zeman, che con i suoi baresi terribili conquistò prima la coppa Italia Primavera e l'anno dopo, dopo essere subentrato a Renna, salvò il Bari dalla retrocessione in serie C, sfiorando la serie A nella stagione successiva con gli stessi giovani Primavera. Corsi e ricorsi storici. Situazioni che si ripetono. Situazioni che in tempi di magra possono costituire una svolta. O almeno si spera. «Un grande maestro - ricorda ancora Tavarilli - sono stato suo allievo e posso assicurare che fu un grande conoscitore di giovani, che ha portato al successo e alla notorietà. Qualità che riconosco anche a Torrente. Credo che sotto molti aspetti i due si somiglino. Stessa passione, stessa cultura del lavoro, stessa voglia di vincere».

UNA CITTA' CHE VA ORGOGLIOSA DI UN CAMPIONE COME CASSANO - Da Moris Carrozzieri a Nicola Ventola, da Daniele Vantaggiato a Nicola Legrottaglie, da Alessandro Armenise a Generoso Rossi e tanti altri. E poi Antonio Cassano, unico e inimitabile istrione del calcio italiano. Il calciatore su cui Prandelli punta forte per scardinare oggi il fortino dell'Irlanda del Trap. Questo e tanto altro è stato il Bari fino a qualche anno fa. Un settore giovanile di grande spessore. Una cassaforte di gioielli che hanno fatto incetta di titoli e la fortuna della società. Un campionato Primavera nel 1990, due coppe Italia (1980 e 1997) due campionati allievi nazionali (1993 e 1999) ed infine un torneo di Viareggio nel 1997. Un patrimonio su cui il Bari ha potuto scrivere e raccontare la sua abilità nell'essere fucina di talenti. Una fucina che, però, non è scoppiettante come un tempo. Va a fiammate con momenti più fortunati ed altri meno. Effetto della crisi. Effetto della recessione in cui il Bari si è venuto a trovare da quando la famiglia M*******e, dopo la retrocessione dalla A di due stagioni fa, ha chiuso i cordoni della spesa, non solo a livello di prima squadra, ma ovviamente anche al settore giovanile che però nonostante tutto riesce ancora a fornire alla prima squadra interessanti primizie. Ieri Ventola, Carrozzieri e soprattutto Cassano, oggi, oltre ai vari Caputo e Bellomo e Rana, scatterà il momento dei vari Grandolfo, Di Noia, Monopoli, Tarantino, Mastroianni, Gammone tutti di Bari e paesi limitrofi, e anche un sedicenne montenegrino Toskic Idriz che vive la sua quotidianità a Bari vecchia. Giovani con l'argento vivo addosso che non vedono l'ora di cimentarsi e raggiungere traguardi importanti. Come a Cassano appunto.

Giovanni Mazzilli
Corriere dello Sport

Re: 18/06/12 - E' di nuovo il Bari dei baresi

18/06/2012, 8:15


Non so perché, ma mi sembra tanto un articolo di regime... Come quei documentari dell'Istituto Luce, in cui si mostrava l'Italia come una super potenza coloniale!

VINCERE E VINCEREMO!!!

Poi, si sa come è andata a finie... 8-)

Re: 18/06/12 - E' di nuovo il Bari dei baresi

18/06/2012, 8:57


Io comunque sono d'accordissimo a far giocare i nostri ragazzi,perchè hanno chiaramento un diverso attaccamento alla maglia un po' come Cannavaro a Napoli,o Marchisio a Torino,o Totti e De Rossi a Roma....sperando nella nascita di campioni del calibro di quelli prima citati 8-)

Re: 18/06/12 - E' di nuovo il Bari dei baresi

18/06/2012, 9:05


Nell'articolo manca il piu' talentuoso centrocampista degli ultimi anni: Bellavista

Re: 18/06/12 - E' di nuovo il Bari dei baresi

18/06/2012, 9:11


warlike81 ha scritto:Nell'articolo manca il piu' talentuoso centrocampista degli ultimi anni: Bellavista


o pizzaiolo :D :D :D :risata: :risata: :risata:

Re: 18/06/12 - E' di nuovo il Bari dei baresi

18/06/2012, 9:26


bari!!! :mrgreen:

Re: 18/06/12 - E' di nuovo il Bari dei baresi

18/06/2012, 9:33


Sicuramente portare e difendere i colori della città sarà uno stimolo incredibile per questi ragazzi...sempre sperando che Torrente non li anestetizzi col suo modulo "non gioco-senza idee".

Re: 18/06/12 - E' di nuovo il Bari dei baresi

18/06/2012, 11:06


Propaganda inopportuna

Re: 18/06/12 - E' di nuovo il Bari dei baresi

18/06/2012, 11:17


come l'atletico bilbao !!! :occhioni:

Re: 18/06/12 - E' di nuovo il Bari dei baresi

18/06/2012, 12:29


una volta e' natale
Rispondi ?