Caprile, Por (Leeds United, definitivo)
Cheddira, P (Parma, definitivo)
Bosisio, DC (svincolato, definitivo)
Dorval, TS (svincolato, definitivo)
Vicari, DC (Spal, definitivo)
Benedetti, CC (Sampdoria, prestito)
Cangiano, AS (Bologna, prestito)
Mallamo, CC (Atalanta, prestito)
Bellomo, CC (Reggina, definitivo)
Ceter, P (svincolato, definitivo)
Folorunsho, CC (Napoli, prestito)
Zuzek, DC (FC Koper, definitivo)
Salcedo, Att (Inter, prestito)
Scheidler, Att (Dijon, definitivo)
  Mercurio, SP (Fidelis Andria, prestito)
Andreoni, TD (Pordenone, definitivo)
Ahmetaj, P (Monopoli, prestito)
Lollo, CC (Reggina, definitivo)
Mané, DC (Montevarchi, prestito)
Simeri, P (Monopoli, prestito)
Belli, TD (Padova, definitivo)
De Risio, CC (Monopoli, definitivo)
Perrotta, DC (Pro Vercelli, prestito)
Bianco, CC (Audace Cerignola, definitivo)
Celiento, DC (Cesena, prestito)
 
 

Michele Mignani si gusta la vittoria ritrovata al termine del match di Citttadella. Il tris firmato da Scheidler, Folorunsho e Maita regala il sesto successo in campionato al Bari, ora terzo con il Genoa. “Non abbiamo fatto una partita bellissima ma siamo stati efficaci contro un avversario rognoso – ha dichiarato l’allenatore biancorosso -. Sapevamo che questa sarebbe stata una gara diversa rispetto alle altre”.

“Scheidler ha fatto un grande lavoro sul gol di Maita, ha segnato ma ha ancora tanti margini di miglioramento. Ha bisogno di tempo – prosegue il tecnico ligure, che poi invita a tenere alta l’attenzione -. Non c’è tempo per abbassare la guardia, ci aspetta una gara difficilissima già domenica prossima”.

Riguardo le scelte di formazione operate, Mignani commenta: “Tanti meriterebbero di scendere in campo, ho fiducia nell’intero gruppo anche se qualcuno sta giocando meno nell’ultimo periodo. Benedetti è un calciatore completo, era la partita adatta per lui e con Folorunsho più avanzato. Terzo posto? Siamo gli stessi di quattro giorni fa, la squadra c’è sempre, combatte e sfodera una prestazione. L’importante è che i ragazzi non perdano convinzione ed equilibrio”.

Labaricalcio

“Era una gara difficile, siamo stati bravi a sfruttare le occasioni che hanno concesso”. Michael Folorunsho commenta così la gara di Cittadella, che ha portato in dote il successo al Bari, che mancava da esattamente due mesi.

“Volevamo vincere a tutti i costi, abbiamo saputo soffrire da squadra – ha continuato il centrocampista -. Era troppo importante tornare a fare tre punti. Il ruolo odierno? L’ho ricoperto più volte negli ultimi anni. Qui ho fatto più la mezz’ala per le richieste del mister ma sono pronto a giocare ovunque per il Bari”.

La gara del Tombolato ha segnato anche il riscatto di Scheidler, per cui Folorunsho riserva parole d’elogio: “E’ un ragazzo d’oro ed è sempre a disposizione della squadra. Riponiamo in lui tanta fiducia”.

Labaricalcio

Il Bari riassapora il dolce sapore della vittoria superando per 3-0 il Cittadella. Mignani cambia volto alla propria squadra passando ad un 4-3-2-1 che si rivela subito un modulo efficace in grado di compattare la squadra e dare maggior imprevedibilità. Ma quella di Cittadella è stata, soprattutto, la partita di Aurélien Scheidler: il francese ha zittito i critici con un gol e un assist, fornendo anche una grande prestazione. Dopo diverse partite scialbe, il Bari ritrova lo spirito giusto e torna a far sognare i propri tifosi.

FORMAZIONE INIZIALE: Biancorossi a Cittadella con l'obiettivo di tornare alla vittoria. Mignani deve fare i conti con una mini lista di infortunati. L'ultimo a fermarsi è stato il difensore Gigliotti. Ancora out Ceter e Ricci. Assente anche Cheddira che continua il suo 'sogno mondiale' con la nazionale marocchina approdata ai quarti di finale. Il tecnico del Bari cambia volto alla sua squadra optando per un più cauto 4-3-2-1 con Benedetti a centrocampo e l'inedito duo Folorunsho - Botta alle spalle dell'unica punta Scheidler. Tutto confermato in difesa con Dorval e Pucino sugli esterni, Di Cesare e Vicari coppia centrale.

Nel Cittadella... QUI PER LA SECONDA PARTE DELL'ARTICOLO: https://www.borderline24.com/2022/12/08 ... ittadella/

Nicola Lucarelli
Borderline24.com

Smaltita la delusione per l’ennesimo pareggio in campionato (il quinto di fila), il Bari torna subito in campo nel turno infrasettimanale. Al ‘Pier Cesare Tombolato’ si giocherà infatti Cittadella – Bari, gara valevole per la sedicesima giornata del campionato di B.

Il Cittadella rievoca ricordi non felicissimi per i tifosi biancorossi. Proprio in Veneto s’infransero i sogni di A dell’ultimo Bari di Giancaspro. Era il 3 giugno 2018 e la squadra allenata da Fabio Grosso impattò per 2-2 nel turno preliminare dei play-off consentendo ai veneti di giocarsi la semifinale contro il Frosinone, grazie al miglior piazzamento in classifica (Il Bari venne penalizzato di due punti per irregolarità amministrative).

Sono diversi i calciatori che hanno vestito entrambe le maglie. Ricordiamo...

Clicca qui per leggere la seconda parte dell'articolo: https://www.borderline24.com/2022/12/07/cittadella-bari-curiosita-e-precedenti-mignani-voglio-la-squadra-libera-mentalmente/

L’allenatore del Pisa Luca D’Angelo ha recriminato in conferenza stampa al termine della gara pareggiata 0-0 in casa del Bari.

Ecco le sue parole, riprese da Sestaporta:

“Fino all’espulsione avevamo fatto meglio del Bari e controllavamo bene la partita, anche se non siamo stati molto incisivi. Il rigore è abbastanza netto, è difficile da digerire sinceramente, anche più netto di quello che è stato fischiato a Messi al Mondiale. Già in campo era solare, rivisto in tv ancora più evidente. La scelta di Hermannsson nell’undici iniziale è stata determinata dalla necessità di limitare Folorunsho ed è stata ripagata. Torregrossa ha giocato una partita complicata, ma gli avversari sono stati bravi a metterci in difficoltà. Nel primo tempo abbiamo sbagliato qualcosa mentre nel secondo siamo partiti molto bene fino al 25′, dopo con la giusta espulsione per Rus, lo dico onestamente, è stato complicato.”

pianetaserieb.it

Slider