Formula 1 - Stagione 2015

In questa sezione commenteremo tutti gli altri sport

Moderatore: Moderatori

Re: Formula 1 - Stagione 2015

Messaggioda Alnex » 28/02/2015, 12:45

La Mercedes è ancora imprendibile. :?
Alnex
Non connesso
M'briak
M'briak
 
Messaggi: 10587
Iscritto il: 25/07/2010, 12:07

R: Formula 1 - Stagione 2015

Messaggioda scoutman » 28/02/2015, 17:40

Massa tallonato da Raikkonen a Montmelò

Pubblicato il 28/02/2015 alle 14:44

Il brasiliano fa segnare il miglior tempo nella mattinata del terzo giorno di prove, ma il finlandese è molto vicino: tra i due ci sono soltanto 14 millesimi, mentre gli altri sono tutti staccati di oltre un secondo

La mattinata della terza giornata di prove a Barcellona sorride ancora a Felipe Massa. Il pilota brasiliano stabilisce il miglior tempo, fermando il cronometro sull'1:23.262.

La sua McLaren precede di pochissimo la Ferrari di Kimi Raikkonen: il finlandese è infatti secondo con soli 14 millesimi di ritardo. Il test delle gomme SuperSoft crea una spaccatura netta: i primi sono i due piloti citati, poi l'abisso. La terza monoposto, infatti, è la Sauber di Ericsson, ma da questo punto in poi tutti gli altri piloti accusano distacchi di oltre un secondo (+1.215 per lui).

Nessuno, tuttavia, è riuscito a migliorare il supertempo fatto segnare nella seconda giornata da Rosberg con le Soft (1.22:792).

Nel pomeriggio la seconda sessione.



Inviato dal mio HTC Desire EYE
scoutman
Avatar utente
Non connesso
M'briak
M'briak
 
Messaggi: 3878
Iscritto il: 14/02/2011, 15:01
Località: Bitonto

R: Formula 1 - Stagione 2015

Messaggioda scoutman » 06/03/2015, 22:12

Alonso, dubbi sulla versione McLaren. Si rafforza ipotesi elettroshock

Il Fatto Quotidiano

di Claire Bal | 6 marzo 2015

La voce ufficiale non convince: tre settimane dopo l'impatto, Alonso non può correre il primo GP della stagione. Il patron della Fia, Ecclestone, parla di incidente "completamente inspiegabile", su web e giornali rimbalza l'ipotesi della scossa elettrica. Ma la McLaren potrebbe mai ammetterla?

Che cosa è successo davvero aFernando Alonso il 22 febbraio, sul circuito di Barcellona? Ancora non si sa. Le risposte poco soddisfacenti del team McLaren-Honda lasciano campo libero alle speculazioni degli esperti e della stampa. Guasto meccanico? Malore? O persino unascossa elettrica, partita non si sa come da qualche componente della monoposto? L’unica cosa certa, per ora, è che il pilota spagnolo non parteciperà al primo Gran Premiodella stagione, quello d’Australia del 15 marzo. I bollettini medici parlavano di buone condizioni di salute, ma ora i medici vogliono evitare il rischio di altri traumi: “Sarà dura non essere in Australia, ma capisco le raccomandazioni. Un secondo impatto in meno di 21 giorni NO”, ha scritto il pilota su Twitter.



La squadra sostiene che l’incidente di Barcellona sia stato causato da un’imprevedibile raffica di vento e smentisce “categoricamente” che l’auto abbia sofferto “guasti meccanici di alcun tipo”. “Non c’è stata nessuna scarica elettrica né si sono registrate irregolarità di alcun tipo al sistema Ers (o Kers, l’accumulo di energia delle F1, ndr) né prima, né durante, né dopo l’incidente”. La macchina era a posto, dunque, e Alonso non ha sofferto di nessun malore perché “tutte le analisi cui è stato sottoposto hanno dimostrato che le sue condizioni sono assolutamente normali”. E allora, com’è avvenuto l’incidente? E perché Alonso non può ancora tornare in pista?

Secondo la versione ufficiale McLaren, la macchina era a posto e Alonso sta bene. Com’è avvenuto allora l’incidente? E perché Alonso non può tornare in pista?

C’è qualcosa di strano nella posizione ufficiale della McLaren: tre settimane di riposo per una semplice botta in testa sembrano troppe, soprattutto quando a subirle è un 33enne che di mestiere fa il pilota di Formula 1. Persino Bernie Ecclestone (sotto, nel 2012), il patron della Fia, descrive l’incidente di Fernando Alonso come “completamente inspiegabile, anche per il pilota”. All’agenzia DPA, Ecclestone ha detto che “Fernando è sorpreso da quello che gli è successo” e che “forse questa è una di quelle cose su cui la Fia dovrà indagare”.



Difficile avere certezze sulla precisa dinamica dell’incidente, avvenuto durante i test: non esistono immagini video dell’impatto e la McLaren non ha diffuso la telemetria del computer di bordo dell’auto, che avrebbe registrato velocità ed eventuali frenate. Dai racconti dei testimoni si apprende che Alonso ha frenato, l’auto ha perso velocità e si è accostata a bordo pista, andando a sbattere per due volte contro le barriere. Il pilota sembra avere inizialmente perso conoscenza, e poi è uscito dall’auto molto agitato, tanto che è stato sedatonel centro medico del circuito prima di essere trasportato all’ospedale, dove è stato ricoverato per tre notti, prima di tornare a casa per sottoporsi a un periodo di riposo.

Al risveglio Alonso avrebbe dimenticato gli ultimi 20 anni di vita. Credeva di essere ancora un pilota di kart

Secondo El Paìs, al risveglio dopo l’incidente Alonso aveva dimenticatogli ultimi vent’anni della sua vita – “Sono Fernando Alonso, solo un pilota di kart, voglio andare in Formula 1”, avrebbe detto – e avrebbe impiegato una settimana per recuperare completamente la memoria. La temporanea amnesia è normale in caso di commozione cerebrale, perché la botta danneggia le sinapsi nel cervello, in particolare quelle relative alla memoria, ha detto il dottor Rafael Blesa, direttore del dipartimento dell’ospedale di Sant Pau a Barcellona, a El Paìs. Ma rinunciare al primo GP della stagione per motivi precauzionali “non ha senso in questo caso”, ha detto Blesa. “Principalmente perché se tutti i test condotti sul pilota erano a posto e mostravano che non ha subito danni, significa che il suo cervello è completamente intatto, come prima dell’incidente. In nessun caso questo primo colpo potrebbe avere effetti se ce ne fosse un secondo”.

E così sul web e sui giornali si rafforza l’ipotesi della scossa elettrica: è la “sberla da 600 W” di cui ha parlato l’ex pilota Fabrizio Barbazza in un post su Facebook, è l’elettroshockcon cui il dottor Antonio Picano, primario del San Camillo di Roma, riscontra molte analogie in un’intervista a Repubblica. “Solo un’ipotesi è in grado di spiegare l’errore di Alonso, la perdita di memoria prolungata, l’assenza di traumi da impatto nel cervello. È la teoria secondo cui Alonso è stato colpito da una scarica elettrica”, scrive oggi Stefano Mancini su La Stampa. Per ora sono solo ipotesi, è vero. Ma bisognerebbe iniziare a porsi un’altra domanda: la McLaren potrebbe mai ammettere di avere sottoposto a un trauma da elettroshock il suo pilota migliore? Un uomo che vale qualcosa come 40 milioni di dollari a stagione?


Inviato dal mio HTC Desire EYE
scoutman
Avatar utente
Non connesso
M'briak
M'briak
 
Messaggi: 3878
Iscritto il: 14/02/2011, 15:01
Località: Bitonto

R: Formula 1 - Stagione 2015

Messaggioda scoutman » 06/03/2015, 22:21

Alonso: "Al 100% sarò al via in Malesia"

Pubblicato il 06/03/2015 alle 18:00

Eurosport

Il pilota McLaren con una serie di tweet lanciati dal proprio account personale assicuri che sarà in griglia in Malesia: "Sto lavorando per poter correre". Nel frattempo un video della camera car di Vettel svelerebbe la dinamica dell'incidente di Alonso e mostrerebbe la McLaren rallentare e puntare il muro senza reazione

Mentre spuntano nuove indiscrezioni e immagini riguardo alla dinamica e alle condizioni fisiche di Fernando Alonso, il pilota spagnolo della McLaren torna a parlare e lo fa attraverso il proprio account Twitter confermando che sarà regolarmente al via del GP della Malesia in programma il prossimo 29 marzo. "Continuo a lavorare sodo - scrive il pilota iberico sul suo account da Oviedo, la sua città natale -... 30 minuti di bicicletta, 30 di nuoto, 30 in palestra. Il Gp di Malesia è una delle gare più impegnative, saremo al 100%".

IL CAMERA CAR DI VETTEL FA LUCE SULL’INCIDENTE? – Nel frattempo nella giornata odierna a fare grande rumore è stata l’indiscrezione riguarda un video un video registrato dalla camera-car montata sulla Ferrari di Vettel, che al momento dell'uscita di pista era proprio alle spalle della McLaren dello spagnolo. Dalle immagini sembrerebbe che il pilota non avesse più il controllo del volante e fosse privo di conoscenza prima di finire fuori pista. Ad avvalorare questa tesi ci sono anche le dichiarazioni misteriose del presidente della scuderia di Woking, Ron Dennis che nelle scorse ore ha ribadito: "Non ho la certezza che Alonso fosse cosciente prima dell’incidente".


ECCLESTONE “FIA INDAGHI SU INCIDENTE ALONSO” – A chiedere chiarezza in merito all’incidente di Alonso al Montmelò è anche il boss della F1 Bernie Ecclestone: “Quello che mi ha sorpreso è quello che è successo, cosa abbia indotto Fernando a finire sul muretto – dice il patron del Circus all’agenzia Dpa – È del tutto inspiegabile, anche per lui. La McLaren non ne vuole parlare, quindi non c’è molto che possiamo fare. Fernando è un po’ sorpreso da quello gli è successo, quindi forse questa è una di quelle cose su cui bisogna investigare”.

Inviato dal mio HTC Desire EYE
scoutman
Avatar utente
Non connesso
M'briak
M'briak
 
Messaggi: 3878
Iscritto il: 14/02/2011, 15:01
Località: Bitonto

Re: Formula 1 - Stagione 2015

Messaggioda Alnex » 07/03/2015, 0:49

Alonso, rivelazione choc dopo l'incidente:
«Ha perso vent'anni di memoria»


Immagine

«Mi chiamo Fernando Alonso, corro sui kart e il mio sogno è arrivare in Formula 1». Dopo dieci minuti di assenza dal mondo, chiuso nell'abitacolo della sua McLaren Mp4-30,parcheggiata contro un muretto , ma pressoché intatta dopo il suo misterioso incidente sul circuito di Barcellona, il pilota spagnolo ha ripreso conoscenza, ma non coscienza degli ultimi 20 anni della sua vita.

Questa l'indiscrezione raccolta e rilanciata dal quotidiano spagnolo "El Pais", in prima linea nel sostenere come l'episodio accaduto al campioen di Oviedo sia frutto di una scarica elettrica ad alta tensione generata da un malfunzionamento del sistema di propulsione ibrida.

"El Pais" riferisce di uno stato di amnesia anterograda molto estesa, in sostanza un “reset del cervello” che avrebbe letteralmente spento la memoria di anni del pilota, il quale addirittura ad una settimana dall'incidente avrebbe continuato manifestare mancanza di ricordi, recuprati in maniera estremamente lenta.

Il Messaggero
Alnex
Non connesso
M'briak
M'briak
 
Messaggi: 10587
Iscritto il: 25/07/2010, 12:07

R: Formula 1 - Stagione 2015

Messaggioda scoutman » 07/03/2015, 10:11

Certo che è tutto veramente assurdo....

Inviato dal mio HTC Desire EYE
scoutman
Avatar utente
Non connesso
M'briak
M'briak
 
Messaggi: 3878
Iscritto il: 14/02/2011, 15:01
Località: Bitonto

R: Formula 1 - Stagione 2015

Messaggioda scoutman » 07/03/2015, 22:59

Immagine

Fernando Alonso c'è: pronto per il GP di Malesia e intanto arrivano le prime conferme dalla McLaren

Sport 24 ore - Venerdì 06 Marzo 2015 23:29

Una storia senza fine, quasi una telenovela quella che vede come protagonisti il pilota di Formula 1, Fernando Alonso, la McLaren e l’incidente avvenuto lo scorso 22 febbraio a Montmelò.

Il pilota asturiano, infatti, come noto non potrà correre, su consiglio dei medici, della scuderia e della federazione, il primo GP della stagione in Australia il 15 marzo ma in ogni caso in queste ore arrivano le prime vere notizie positive.

 

Fernando sta bene, sta recuperando, è in forma e lo dice lui stesso attraverso un tweet pubblicato sul proprio profilo ufficiale su Twitter, molto spesso unica via per avere notizie certe e dirette, senza affidarsi ai vari tabloid, sia inglesi che spagnoli, letteralmente scatenanti in questi giorni, pubblicando le presunte risposte date dallo stesso pilota ai medici dopo l’impatto.

Intanto, con un'intervista rilasciata a  Sky Sports F1, arrivano le prime conferme ufficiali da parte della McLaren sull'incidente di Alonso, attraverso le parole del direttore della sezione corse della scuderia inglese, Eric Boullier: 

"È stata solo una normale commozione cerebrale con una perdita di memoria temporanea. Non è così drammatica come si legge sui media. Tutto è tornato alla normalità. È molto frustrato per non essere in macchina, ma lui sarà collegato con noi per tutti i debriefing attraverso un collegamento video. Quando si ha una commozione cerebrale, è necessario rispettare un periodo di recupero di 21 giorni. I medici ci hanno consigliato così con una forte raccomandazione che stiamo seguendo".

Fernando si sta allenando duramente per essere pronto il 29 marzo per il GP di Malesia, seconda tappa del mondiale 2015 di Formula 1: 

“Stiamo lavorando duramente, 30 minuti di bici, 30 di piscina e 30 di ginnastica. La Malesia è una delle gare più dure fisicamente e saremo al 100%". 

Sono queste le parole di Fernando Alonso, un motivo in più per stare più sereni, dimenticare inutili polemiche e augurare un grosso in bocca al lupo al campione spagnolo.



Inviato dal mio HTC Desire EYE
scoutman
Avatar utente
Non connesso
M'briak
M'briak
 
Messaggi: 3878
Iscritto il: 14/02/2011, 15:01
Località: Bitonto

R: Formula 1 - Stagione 2015

Messaggioda scoutman » 14/03/2015, 8:17

F1 GP Australia, la griglia di partenza dopo le qualifiche


Di Marco Iorio 
| 14.03.2015 08:13

F1, qualifiche | 14 marzo, ore 07:00 | Circuito: Albert Park, Melbourne

QUALIFICHE F1, GP AUSTRALIA

Immagine
 
 Lewis Hamilton centra la pole position e la Mercedes piazza due monoposto in prima fila al via del Gran Premio d'Australia, gara d'esordio del Mondiale 2015 di F1. L'inglese, campione del mondo in carica, ha ottenuto il miglior crono di 1'26''327 staccando di circa 6 decimi il compagno di squadra Nico Rosberg (1'26''921). La seconda fila è aperta dalla Williams del brasiliano Felipe Massa (1'27''718), che si è piazzato davanti al tedesco Sebastian Vettel (1'27''757) con la Ferrari. Bene anche il finlandese Kimi Raikkonen (1'27''790), compagno di squadra di Vettel, che scatterà dalla quinta posizione in griglia.
Lontane le Red Bull con Ricciardo solo 9°, mentre le McLaren non superano la Q1.


TERMINATE LE Q2: POLE POSITION PER HAMILTON

Ecco la griglia di partenza
: Hamilton, Rosberg, Massa, Vettel, Raikkonen, Bottas, Sainz, Grosjean, Maldonado, Nasr, Verstappen, Kvyat, Hulkemberg, Perez, Ericsson, Button, Magnussen, Stevens, Merhi. 





Inviato dal mio HTC Desire EYE utilizzando Tapatalk
scoutman
Avatar utente
Non connesso
M'briak
M'briak
 
Messaggi: 3878
Iscritto il: 14/02/2011, 15:01
Località: Bitonto

R: Formula 1 - Stagione 2015

Messaggioda scoutman » 14/03/2015, 8:48

Hamilton in pole, Vettel quarto davanti a Kimi

Pubblicato il 14/03/2015 alle 08:37


Lewis Hamilton comincia il 2015 conquistando la prima pole position stagionale. A Melbourne ottiene la quarta pole della carriera (record), battendo di ben sei decimi Nico Rosberg. Un super Massa batte Vettel di solo 39 millesimi, quinto Raikkonen davanti a Bottas. Disastro McLaren, in ultima fila.

Dopo tante chiacchiere durante l'inverno, finalmente torna a scorrere il cronometro per la prima pole stagionale del 2015. A Melbourne la nuova annata riparte come si era chiusa la vecchia, e cioè con le Mercedes a dominare. Il vantaggio sulla concorrenza è abissale: le due Frecce d'Argento rifilano quasi un secondo e mezzo al buon Felipe Massa terzo, e anche con le gomme dure dimostrano di essere più veloci della maggior parte delle altre monoposto equipaggiate con le morbide.

Hamilton batte Rosberg. Nel sabato di qualifica l'anno scorso era accaduto poche volte, oggi in Australia non c'è storia. Il tedesco aveva battuto il compagno nel venerdi, ma dalle fp3 di oggi e in tutte le sessioni di qualifica l'inglese ne ha di più e ottiene la 39ma pole della carriera.

La pole degli "altri" la prende Felipe Massa. Costantemente battuto da Bottas per tutto il weekend, il brasiliano piazza la zampata nell'ultimo giro disponibile, mentre il compagno sbaglia in Q3 arrivando solo sesto. In mezzo ci sono le Ferrari.

Chi conosce la F1 sa che Melbourne spesso fa storia a se, il circuito cittadino australiano non fa testo rispetto al resto della stagione, i veri valori verranno fuori in Malesia. Però in casa Ferrari c'è da essere felici, o almeno ottimisti. La Rossa è lontano oltre un secondo, quasi due, dalla Mercedes, ma Vettel e Raikkonen sono competitivi, col tedesco a soli 39 millesimi da Massa. C'è da lavorare e tanto, la strada però sembra quella giusta.

Da rivedere la Red Bull, con tanti problemi nel weekend e con il solo Ricciardo (7°) in Q3. Disastro McLaren, in ultima fila. Chissà cosa starà pensando Alonso ad Abu Dhabi...



LA CRONACA

Con la Manor che non scende in pista, solo 3 piloti vengono eliminati in Q1. La Ferrari è l'unica che va in pista subito con le gomme soft, usate, mentre la Mercedes piazza i migliori tempi con le dure. Ericsson è il primo degli esclusi, gli altri sono le McLaren. Button e Magnussen le provano tutte, ma il motore Honda è indietro, ancora troppo rispetto alla concorrenza. L'ultima fila purtroppo è realtà.

Q2 che vede le Mercedes su un altro pianeta. Rosberg, Hamilton e Bottas riescono a tenersi due treni di gomme morbide da usare per l'ultima sessione, gli altri solo uno. Grandissimo Sainz che si qualifica per la Q3, mentre Verstappen è eliminato. Ricciardo tiene a galla la Red Bull qualificandosi, benissimo la Lotus: Maldonado era da Singapore 2013 che non arrivava in Q3.

Parte la Q3 e Vettel usa subito il treno di gomme nuovo disponibile, piazzandosi in terza piazza dietro le inarrivabili Mercedes. Bottas sbaglia più volte e non va oltre la sesta posizione. Hamilton ottiene la pole davanti a Rosberg, Vettel crede fino alla fine alla terza posizione ma nell'ultimo giro Massa lo passa. Settimo Ricciardo, poi Sainz, Grosjean e Maldonado.


LA DICHIARAZIONE

SEBASTIAN VETTEL: 
«Siamo vicini alla Williams, questo è un buon inizio. Siamo nei primi cinque con entrambe le macchine. C’è molto da fare, il gap dalla Mercedes è grande e possiamo lottare per il podio domani. Ieri il passo gara andava bene, possiamo migliorare e vedremo quali condizioni meteo avremo."



LA STATISTICA CHIAVE

Quarta pole in carriera per Lewis Hamilton a Melbourne. Nessuno qui ha fatto meglio nella storia. L'inglese ottiene la 39ma pole della carriera, a meno sei da Vettel, il migliore in attività.

IL MIGLIORE

FERRARI:
 Come detto in precedenza. Siamo solo all'inizio e Melbourne è un circuito atipico. Ma era da tempo immemore che non si era così felici il sabato.

IL PEGGIORE

MCLAREN: 
La situazione della casa anglo-giapponese fa capire quanto sia complicata questa F1. La Honda, parliamo del più grande motorista del mondo, l'azienda che produce più motori in assoluto contando auto, moto, trattori, navi e motori elettrici, debutta nel circus con questa figuraccia. A Woking parlano di un progetto vincente a fine stagione, se dovesse accadere sarebbe la più grande rimonta sportiva della storia della Formula 1.

TABELLINO

CLASSIFICA: 
Hamilton, Rosberg, Massa, Vettel, Raikkonen, Bottas, Ricciardo, Sainz, Grosjean, Maldonado.

ELIMINATI IN Q2:  Nasr, Verstappen, Kvyat, Hulkenberg, Perez.

ELIMINATI IN Q1:  Ericsson, Button, Magnussen, Stevens, Mehri.

Eurosport


Inviato dal mio HTC Desire EYE utilizzando Tapatalk
scoutman
Avatar utente
Non connesso
M'briak
M'briak
 
Messaggi: 3878
Iscritto il: 14/02/2011, 15:01
Località: Bitonto

R: Formula 1 - Stagione 2015

Messaggioda scoutman » 14/03/2015, 17:33

Ferrari in disaccordo: piloti contenti, scuderia no

Vettel e Raikkonen concordi: "E' andato tutto bene e possiamo puntare al podio", ma Arrivabene è arrabbiato e li bacchetta: "La seconda fila tutta nostra poteva essere una realtà". Raggiante Hamilton: "La macchina è fantastica, la migliore che abbia mai guidato"

"La macchina è fantastica
, è stato un gran giro". Lewis Hamilton è decisamente soddisfatto dopo la pole position ottenuta nel Gran Premio d'Australia, gara inaugurale del Mondiale di Formula Uno. "Sono molto contento della prestazione del team e anche della mia, ho messo insieme un bel giro - ha proseguito il pilota della Mercedes ai microfoni di Sky Sport - Ora sono concentrato su domani. E' una gran bella sensazione, l'anno scorso avevo la macchina migliore che abbia mai guidato e anche quest'anno è così".

"E' stato un buonissimo giro, penso sia la migliore posizione da cui si poteva partire qui. La Mercedes è un'altra categoria. Sono contento, è un buon inizio, abbiamo dimostrato di fare le cose giuste". Il pilota della Williams Felipe Massa è soddisfatto del terzo posto in griglia. "Domani non sarà facile perché la Ferrari è lì, è migliorata, è cresciuta, ma la differenza che abbiamo avuto oggi è quasi niente. Domani sarà una gara molto difficile, ma siamo qui per lottare e speriamo di fare tutto perfetto - ha proseguito ai microfoni di Sky Sport il brasiliano - Se la Ferrari mi ha sorpreso? No perché durante le prove loro erano forti, erano competitivi. Quindi hanno dimostrato la stessa cosa qui. Mi ha sorpreso sicuramente la Mercedes, che è un secondo e mezzo davanti a tutti".

"Possiamo essere forti per combattere per il podio". Il pilota della Ferrari Sebastian Vettel è ottimista dopo il quarto posto ottenuto nelle qualifiche. "Siamo stati molto vicini, possiamo essere molto contenti. Entrambe le macchine al quarto e al quinto posto è un ottimo risultato per noi,  è stato un weekend in cui tutto è filato liscio senza problemi  - ha proseguito il tedesco ai microfoni di Sky Sport - Chiaramente c'è ancora un gap con le Mercedes ma possiamo essere contenti". In vista della gara di domani "dobbiamo continuare su questa strada, possiamo migliorare la macchina ma dobbiamo vedere quali condizioni meteo ci saranno - ha proseguito Vettel - Il terzo posto? Oggi non mancava molto, se avessi fatto un giro migliore nel Q3 saremmo stati lì già oggi, ma alla fine Felipe (Massa, ndr) ha fatto meglio".


"Abbiamo fatto un ottimo lavoro ma abbiamo un lungo cammino da percorrere per riprendere le Mercedes.
La terza posizione era possibile, ma ho fatto un grosso errore con le gomme nuove nell'ultimo giro di qualifica. E' stato un po' deludente, c'era tutto per essere al terzo posto". Così il pilota della Ferrari Kimi Raikkonen ai microfoni di Sky Sport ha commentato il quinto posto. "Podio possibile? Sì, credo che abbiamo più velocità a disposizione di quello che abbiamo mostrato in qualifica - ha proseguito il finlandese - Senza errori potevamo essere più avanti, dobbiamo essere contenti ma non del tutto. Il team ha fatto un ottimo lavoro ma c'è ancora una strada piuttosto lunga per arrivare dove vogliamo essere".

Ma  Maurizio Arrivabene, team principal della Ferrari, non è affatto contento . "Non penso all'anno scorso, ma a quest'anno e non tiro alcun respiro di sollievo. Anzi,  sono anche un po' arrabbiato perché potevamo essere messi meglio. secondo me oggi le due Rosse in seconda fila era una cosa che poteva essere non un sogno ma una realtà  - dice -Nel Q2 siamo stati troppo conservativi, in altri termini, abbiamo avuto paura di fare una cavolata e abbiamo voluto essere sicuri e questo lo abbiamo pagato nella Q3 - ha proseguito analizzando le qualifiche ai microfoni di Sky Sport - Il podio è possibile? Siamo qui tutti per tentare di andare sul podio. Ne parliamo domani. La sicurezza c'è, ma poi non ti devi far prendere dalla paura di tornare alla situazione dell'anno scorso e quindi essere troppo conservativi. Bisogna essere più aggressivi e rischiare di più", ha concluso Arrivabene.



Inviato dal mio HTC Desire EYE utilizzando Tapatalk
scoutman
Avatar utente
Non connesso
M'briak
M'briak
 
Messaggi: 3878
Iscritto il: 14/02/2011, 15:01
Località: Bitonto

PrecedenteProssimo

Torna a Oltrecalcio: tutti gli sport

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti