M. Antenucci, P (SPAL, definitivo)
F. CostaTS (Napoli, prestito)
M. FolorunshoCC (Napoli, prestito)
P. Frattali, Por (Parma, definitivo)
T. KupiszAD (Ascoli, definitivo)
M. ScavoneCC (Parma, definitivo)
G. TerraniAS (svincolato, definitivo)
B. CascioneTD (svincolato, definitivo)
F. CorsinelliTS (Piacenza, definitivo)
D. Marfella, Por (Napoli, definitivo)
F. BerraTD (Pro Vercelli, definitivo)
A. Schiavone(svincolato, definitivo)
A. SabbioneDC (Carpi, definitivo)
M. PerrottaDC (Pescara, definitivo)
E. D'Ursi, AD (Napoli, prestito)
F. Ferrari, P (Napoli, prestito)
G. Esposito, DC (Napoli, definitivo)

L. Liguori, AD (Napoli, fine prestito)
A. Mutti
, AD (Gozzano, fine prestito)
N. Aloisi, TD (Fermana, fine prestito)
E. Piovanello, CC (Padova, fine prestito)
G. Quagliata, TS (Pro Vercelli, fine prestito)
D. Marfella, Por (Napoli, fine prestito)
C. Nannini, TS (Piacenza, prestito)
D. Pozzebon, P (svincolato)
G. Mattera, DC (svincolato)
A. Bellussi, Por (svincolato)
P. Iadaresta, P (svincolato)
F. Brienza, Trq (svincolato)
N. Turi, TD (svincolato)
M. Bollino, AD (svincolato)
L. Cacioli, DC (ritirato)
R. Maurantonio, Por (ritirato)
Possibili acquisti:

Ancora una volta il Partenio Lombardi di Avellino si rivela fatale per il Bari di Cornacchini. Dopo la sconfitta nella ‘poule scudetto’ di serie D della scorsa stagione, nuovo passo falso per i galletti che perdono per una rete a zero anche in Coppa Italia: rete decisiva dal dischetto di Di Paulantonio al settimo della ripresa.

Buon Bari nel primo tempo con diverse occassioni confezionate, deludente invece la prova nella ripresa. Non fa drammi il tecnico del Bari Giovanni Cornacchini, intervistato dal nostro inviato Marco Iusco (direttore di Barimania): ” Dispiace perdere, ma meglio farlo ora e non in seguito: non sono preoccupato. Non cerco alibi, ma il gran caldo e il manto erboso sintetico non ci hanno agevolato. C’era un rigore su Floriano nella ripresa. Tutti i calciatori hanno chiesto spiegazioni. Hamlili? Non ha giocato per scelta tecnica, ma sarà titolare in campionato. Volevo provare Schiavone che ha bisogno di minutaggio. Antenucci? Volevo toglierlo prima per risparmiarlo in vista del campionato.”

Avellino-Bari 1-0, il tabellino.

Marcatori: 7′ rig. Di Paolantonio.

Avellino (3-5-2): Abibi; Zullo, Morero (1′ st Njie), Laezza; Celjak, Palmisano (11′ st Silvestri), Di Paolantonio, Rossetti, Micovschi; Alfageme, Albadoro (23′ st Parisi).

A disp.: Tonti, Pizzella, Falco, Carbonelli, Saporito, Petrucci, Corcione. All.: Ignoffo.

Bari (4-4-2): Frattali; Berra (1′ st Costa), Sabbione, Perrotta, Corsinelli (20′ st Floriano); Kupisz, Schiavone, Scavone (34′ st Ferrari), Terrani (20′ st Neglia); Antenucci (27′ Folorunsho), Simeri.

A disp.: Marfella, Esposito, Hamlili, Bolzoni, D’Ursi, Feola, Cascione. All.: Cornacchini.

Arbitro: Costanza di Agrigento. Assistenti: Catallo di Frosinone e Tchato di Aprilia.

Note: spettatori paganti 3.212 (di cui 200 ospiti); ammoniti 43′ pt Morero e Terrani per reciproche scorrettezze, 33′ st Abibi per comportamento non regolamentare, 38′ st Laezza, 38′ st Costa, 40′ st Sabbione per gioco scorretto; angoli 3-4; recuperi 1′ pt e 5′ st. (Irpinia News)

Radio Biancorossa

Buona la prima per il nuovo Bari di Cornacchini che si impone per 3 a 2 su una volitiva e cinica Paganese. Protagonista del match, il bomber Mirco Antenucci: «Sono contento per la vittoria – confessa il numero 7 ai microfoni della Ssc Bari – potevamo chiuderla prima grazie alle tante occasioni avute. Ci abbiamo provato, serve essere più cinici, ma abbiamo creato un’importante mole di gioco. Ovvio che sia contento per i gol, sono un attaccante, non potrebbe essere altrimenti. Sul secondo gol fortunato, ma in certe occasioni devi crederci. La pericolosità è fondamentale in questa fase, crea autostima; il gol è l’apice, ma creare è importante. Era la prima uscita stagionale, ci sta qualche disattenzione. Bari è l’unica piazza di C che avrei accettato, si vive di calcio ed emozioni; ho accettato questa scommessa, riportare il Bari dove merita. Sta a noi trascinare la gente, il pubblico farà lo stesso con noi». 

Soddisfatto anche il tecnico Giovanni Cornacchini: ” Antenucci, è stato preso per questo: oltre a qualità tecniche indiscutibili, l’umiltà che ha messo a disposizione del gruppo, dell’allenatore e della Società dimostra il tipo di leader che è, in campo e fuori. Stasera abbiamo concesso poco, ma serve più attenzione; è presto, ma questa sarà la ‘C’, serve stare sempre concentrati. Ritengo che siamo sulla strada giusta, i ragazzi stanno lavorando tanto, con voglia e convinzione.  Questa squadra ha tanta qualità, servirà calarsi ancor più nella categoria; di questo tipo di partite ne vedremo tante, con avversari arroccati. Sarà un campionato complicato e difficile, gli episodi saranno decisivi: vincere il più possibile ed evitare di perdere, a volte i pareggi hanno importanza, ti regalano continuità. Sono sereno, molto sereno”. 

Radio Biancorossa

Che non si vedesse l’ora di tornare al ‘San Nicola’, di tornare a cantare ed esultare sui gradoni del tempio, era esigenza vera, che bruciava sotto la pelle in questo arroventato agosto. La risposta del popolo biancorosso alla chiamata per la prima uscita di mister Cornacchini e dei suoi ragazzi è stata come sempre da prime pagine: un dato che non lascia stupito chi questa piazza la conosce bene, ma che non può non esaltare una passione e un affetto che ha pochi eguali nello stivale.
Alle porte la settimana di Ferragosto, le città si svuotano, gli uffici chiudono, i telefoni fissi squillano a vuoto, ma il ‘San Nicola’ ruggisce e lo fa con la forza dei 7450 presenti ieri, per il battesimo di Antenucci e compagni. Numeri che, confrontati a quelli provenienti dagli altri campi, rendono l’idea della forza di quella che, a tutti gli effetti, può essere considerata come una ‘ETERNA MALATTIA’, per dirla alla maniera della Curva.

Gli spettatori presenti sugli altri campi:

Salernitana-Catanzaro (5556 paganti)
Benevento-Monza (4940)
Trapani-Piacenza (4838)
Crotone-Arezzo (4384)
Cremonese-Francavilla (3901)
Pisa-Potenza (3810)
Pescara-Mantova (3675)
Perugia-Triestina (3280)
Cittadella-Padova (3259)
Juve Stabia-Imolese (3000)
Frosinone-Carrarese (3174)
Livorno-Carpi (2268)
Empoli-Reggina (1879)
Venezia-Catania (1809)
Pordenone-Feralpisalò (1330)
Monopoli-Cosenza (1312)
Chievo-Ravenna (1200)
Spezia-Pro Patria (1033)
Entella-Sudtirol (1026)

Bari-Paganese 7450 grazie!!!

SScBari

A pochi giorni dall'esordio stagionale, in Coppa Italia Serie C contro la Paganese, programmato per domenica 11 agosto, alle ore 20:30 sul terreno del “San Nicola", sono stati comunicati i numeri di maglia scelti dai ragazzi di mister Cornacchini per il loro cammino nella prossima stagione:
sarà la numero ‘7’ ad accompagnare bomber Antenucci, e non poteva essere altrimenti, mentre capitan Di Cesare vestirà il suo amato ‘6’; conferma per Simeri e la sua ‘9’, mentre Floriano porterà sulle spalle il peso della ’10’. Con Costa che opta per il ‘4’, sarà il ’20’ a coprire le larghe spalle di Folorunsho; la ’17 per il napoletano D’Ursi, Ferrari sceglie la ’19’, mentre per Kupisz ecco la ’18’. Di seguito la numerazione ufficiale:

1.Frattali
3.Perrotta
4.Costa
6.Di Cesare
7.Antenucci
8.Hamlili
9.Simeri
10.Floriano
11.Neglia
12.Liso
13.Sabbione
14.Bolzoni
16.Corsinelli
17.D’Ursi
18.Kupisz
19.Ferrari
20.Folorunsho
21.Feola
22.Marfella
23.Schiavone
24.Cascione
26.Berra
27.Terrani
29.Scavone

Fonte:SSC Bari

Un ritorno di Karamoko Cissé è possibile. A patto, però, che sia un affare conveniente per le casse del Bari: secondo La Gazzetta del Mezzogiorno, infatti, l'attaccante potrebbe tornare a indossare la maglia biancorossa solo nel caso in cui l'Hellas Verona dovesse decidere di abbassare le richieste. Anche perché il reparto offensivo di Cornacchini è già folto così.

tuttocalciopuglia

Slider
previous arrow
next arrow
Slider